confartigianato alessandria
La legge n. 190/2014 (Stabilità 2015) ha stabilito che la detrazione per interventi di riqualificazione energetica è riconosciuta nella misura del 65% per le spese sostenute nel periodo 6 giugno 2013 - 31 dicembre 2015.

La detrazione spetta sempre nella misura del 65% anche per le spese sostenute per:
- interventi su parti comuni condominiali o che interessano tutte le unità immobiliari del condominio sostenute nel periodo suddetto;
- acquisto e posa in opera di schermature solari sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2015, nel limite di 60.000 euro;
- acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2015, nel limite di 30.000 euro.

La detrazione per interventi di recupero del patrimonio edilizio è riconosciuta nella misura del 50% per le spese sostenute nel periodo 26 dicembre 2012 - 31 dicembre 2015 (sempre che non si sia usufruito di tale detrazione negli esercizi fiscali precedenti).
E' prorogato al 31 dicembre 2015 anche il riconoscimento della detrazione del 50%, a favore dei contribuenti che usufruiscono di quella per interventi di recupero edilizio, per le spese sostenute per l'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici della categoria A+ (A per i forni) destinati all'immobile oggetto di ristrutturazione.

La legge di Stabilità 2015 riguardo le persone fisiche.

La legge n. 190/2014 ha stabilito per le persone fisiche, Oltre al bonus Irpef e l'istituto aggiornato del ravvedimento operoso, vengono confermate, in merito alla Tasi, le stesse regole del 2014: per effettuare la rivalutazione dei terreni, la perizia di stima deve essere redatta e asseverata entro il prossimo 30 giugno.
Resta invariato l'importo del canone Rai, pagabile in un'unica rata entro il 31 gennaio 2015, oppure in due rate semestrali con scadenza 31 gennaio e 30 luglio, o quattro rate trimestrali con scadenze, rispettivamente, a fine gennaio, aprile, luglio e ottobre.  
Le attuali regole del 5 per mille, da destinare nella dichiarazione dei redditi annuale, restano valevoli per tutto il 2015 e per gli anni successivi.